online website builder

Categoria: Social Media
17/09/2018

Calendario editoriale: Cos'è, come si fa, a cosa serve?

Che cos'è un calendario editoriale e come può aiutarti nella gestione del tuo blog e dei tuoi social media

Uno degli strumenti fondamentali per creare una ottima strategia di web content è il calendario editoriale. I calendari possono assumere diverse forme – da un semplice foglio di calcolo che guida la tua squadra attraverso il processo di produzione, ad una più complessa mappa completamente interattiva del ciclo di vita dei contenuti. Mantenendo un resoconto accurato dei tuoi contenuti e le attività editoriali si vedranno sicuramente dei risultati ottimali.

A tutti coloro che desiderano creare contenuti di alta qualità, vorrei dare un consiglio: nel bene e nel male, i contenuti danno maggiori risultati quando vengono costruiti su “misura”. Un contenuto costruito su misura è in grado di raggiungere il pubblico e può essere pianificato consentendo di produrre risultati di business tangibili nel lungo periodo.

Il gruppo LeoSeo ha creato una piccola guida per costruire un calendario editoriale che ti aiuterà a raggiungere gli obiettivi prefissati.

1. CONOSCERE LE BASI CALENDARIO EDITORIALE

La raccolta delle informazioni chiave per la strategia di marketing dei contenuti è la base del piano editoriale. Le risposte alle seguenti domande ti aiuteranno a determinare su quali aspetti concentrarsi nella costruzione del calendario.

  • Per chi stai creando i contenuti? Avere chiaro in mente chi è il tuo target consente di creare contenuti adatti al pubblico che si vuole raggiungere e stimolare la sua attenzione.
 Lo sviluppo di un contenuto in base al target di marketing può aiutare a scrivere contenuti più accattivanti.
  • Perché si stanno creando i contenuti? Stai cercando di generare contatti? Guidare la partecipazione agli eventi? La tua missione di marketing e gli obiettivi avranno un impatto su ciò che si pubblica, dove si pubblica, e quanto spesso, e su come la tua squadra organizza i suoi sforzi di creazione di contenuti.
  • Quali competenze e risorse si hanno a disposizione? Se si dispone di un team di professionisti del settore che cercano di condividere la loro visione, il formato, la frequenza e flusso di lavoro complessivo sarà più semplice da strutturare.
  • Come vuoi apparire? Quali sono le lacune presenti nei vostri contenuti attuali – o dei vostri concorrenti?  Sapere dove si può giocare un ruolo da protagonista ti aiuterà ad ottenere l’attenzione del pubblico ed a riempire il tuo calendario editoriale con contenuti di forte impatto per raggiungere i vostri obiettivi di business.
Imparare a differenziare la vostra azienda dalla concorrenza per trovare la tua nicchia e creare contenuti unici .

2. CONFIGURARE IL CALENDARIO EDITORIALE

Ci sono strumenti dedicati che offrono una vasta gamma di funzionalità di calendario, così come molte soluzioni di collaborazione di contenuti che hanno integrato gli strumenti per aiutare i team di marketing a gestire i processi editoriali in modo più efficiente.

Tuttavia, se non si desidera implementare nuovi strumenti o tecnologie, è possibile iniziare con un semplice foglio di calcolo Excel.

È fondamentale che il tuo calendario editoriale includa i seguenti campi:
> Data di pubblicazione
> Argomento o il titolo del contenuto
> Autore del contenuto
> Manager del contenuto – vale a dire, chi si occupa di controllare che la pubblicazione e la promozione avvenga nei tempi previsti, e studia le statistiche del singolo contenuto
> Stato di ciascuna attività

A seconda delle specifiche del piano marketing – come ad esempio i tuoi obiettivi, il flusso di lavoro , i formati preferiti, le piattaforme e la velocità di pubblicazione – si consiglia inoltre di monitorare i seguenti elementi per monitorare i tuoi contenuti e apportare modifiche alla strategia.

  • I canali di distribuzione: I contenuti possono essere pubblicati e promossi su una varietà di piattaforme – da blog e newsletter via email ai canali di social media, e non solo. Più canali si scelgono, più difficile sarà tenere traccia di ogni risorsa condivisa.
Imparare a costruire un piano di canali di distribuzione farà arrivare i tuoi contenuti nelle mani dei clienti giusti al momento giusto.  
  • Formati di contenuti: È un post sul blog? Un video? Un podcast? Un’immagine?  Per ottenere più risultati dai contenuti che si creano, si dovrebbe prendere in considerazione il proporre diversi formati. È utile tenere sotto controllo i tipi di contenuti che decidete di proporre fin dall’inizio.
Ogni formato ha i suoi punti di forza e limiti. Il piano marketing dei contenuti vi aiuterà a scegliere i migliori per il tuo business.
  • Elementi visivi: L’impatto grafico è di estrema importanza, sia in termini di potenziale condivisione sociale che il riconoscimento globale del brand.
  • Argomenti / categorie: Questo aiuta a rendere i calendari più ricercabili e può aiutare a scoprire potenziali opportunità per colmare le lacune nella vostra copertura.
  • Parole chiave e altri metadati SEO: Questo include meta descrizioni e titoli SEO. Includerli nel calendario contenuti aiuta a garantire una buona ottimizzazione dei contenuti mantenendone l’allineamento con la strategia SEO globale del vostro business.
Impara a usare la SEO in modo da poter guidare più traffico al suo sito web attraverso la ricerca.
  • URL: Questa informazione può essere utilizzata per mantenere il vostro audit di contenuti online aggiornato, così da rendere più facile costruire back-link alle risorse di contenuto con più alto tasso di conversione.
  • Inviti all’azione: Questo aiuta a garantire che ogni pezzo di contenuto creato sta guidando il vostro business più vicino ai suoi obiettivi di marketing.

3. MANTENERE IL PROPRIO CALENDARIO EDITORIALE COMPILATO E MESSO A FUOCO

Una delle parti più difficili del processo editoriale è creare contenuti di valore e mantenere un programma di pubblicazione coerente.

Si potrebbe anche voler includere una scheda per raccogliere argomenti e idee per i futuri contenuti. Tenere un elenco aggiornato di idee all’interno del vostro calendario lo rende uno strumento di riferimento per quando avrete bisogno della spinta iniziale.

4. VALUTARE PIÙ MODI PER UTILIZZARE CALENDARI EDITORIALI

I calendari editoriali possono essere utili per una serie di attività di marketing di contenuti al di là di razionalizzare la creazione di contenuti e la gestione del flusso di lavoro editoriale.

  • Monitoraggio: Tenere un registro dei contenuti editoriali ti consente di monitorare il rendimento di ogni pezzo dopo la pubblicazione.
  • Allineamento dei contenuti a livello aziendale: la condivisione del calendario editoriale con i diversi reparti rende più facile l’organizzazione dei contenuti e permette di ricevere nuove idee o consigli.

CALENDARIO EDITORIALE: COS’È, COME SI FA, A COSA SERVE?: CONCLUSIONE

La costruzione di un calendario editoriale consente di creare un documento da seguire e ottimizzare. Il mantenerlo aggiornato permette di organizzare al meglio il tuo piano marketing dei contenuti. Quali altri dati e valori appuntate sul vostro calendario?

Autore dell'articolo

Fondatrice del gruppo LeoSeo, Alessia De Leonardis svolge le mansioni di Web Manager e Seo Specialist. Ha conseguito risultati importanti nella funzione di Web Coach all'interno di aziende, formandone lo staff e sostenendolo nello sviluppo di progetti per la migliore e più efficace visibilità aziendale. Da sempre opera nella volontà di sensibilizzare l'utenza al corretto uso del web.

Alessia De Leonardis
Web manager & Founder LeoSeo group

 

 

 

 

 CC BY-NC-ND 4.0

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)